Sicurezza alimentare, intesa tra Asl 9 e Comune di Grosseto

Maggiori controlli in bar e ristoranti, per garantire la sicurezza alimentare e verificare la corretta applicazione delle azioni di autocontrollo alimentare o HACCP. È questo l’obiettivo del Protocollo d’Intesa raggiunto tra la Asl 9 e il Comune di Grosseto. Attraverso l’intesa, la polizia municipale del Comune di Grosseto e i responsabili del dipartimento dell’Asl 9 uniranno le loro forze per effettuare controlli presso tutti gli esercizi commerciali che preparano, trasformano o vendono alimenti.

“È nostra intenzione, dopo questa prima fase ‘sperimentale’, proporre il protocollo anche ai comuni più grandi del territorio provinciale”, hanno affermato dal dipartimento della Asl. “Migliorare la qualità dei controlli sulla sicurezza alimentare ha un effetto positivo diffuso, perché garantisce i cittadini, snellisce le procedure di verifica anche a favore delle imprese e continua in un percorso di trasparenza complessiva che unisce Comune e Asl. Tutto questo lo abbiamo fatto prima degli altri a testimonianza di una forte sensibilità rispetto ad un tema tanto delicato”, ha affermato il sindaco di Grosseto, Emilio Bonifazi.

Si tratta della prima intesa raggiunta in tal senso nella Regione Toscana. Tutto quanto verrà ricavato dai controlli dovrà riportare la firma del direttore del Dipartimento della Prevenzione della Asl 9.

Manuale di autocontrollo alimentare HACCP

Il controllo della corretta manipolazione degli alimenti lungo tutta la filiera, dalla produzione alla conservazione fino alla vendita ovvero al suo stoccaggio, è un obbligo a carico del datore di lavoro che si traduce in valutazione dei rischi, formazione obbligatoria per sé e suoi dipendenti, analisi di laboratorio e appunto redazione del manuale HACCP.

Vai al Manuale HACCP