Igiene e sicurezza alimentare in apicoltura

La Fondazione Edmund Mach -Istituto Agrario di San Michele all’Adige ha pubblicato sul suo sito un interessante e utile manuale rivolto a chi si occupa di apicoltura. Si intitola “Linee guida per l’apicoltura – Manuale operativo per la gestione igenico-sanitaria della produzione e della lavorazione del miele” ed è incentrato su tutte le pratiche necessarie per legge o comunque consigliate per mantenere l’igiene e la sicurezza alimentare dei prodotti delle api. La necessità di questo manuale si è fatta viva nel momento in cui ci sono stati cambiamenti nella normativa alimentare a livello europeo. In particolare le principali modifiche hanno interessato: le procedure di autorizzazione dei laboratori; l’attribuzione delle responsabilità in merito alla salubrità del miele lungo tutta la filiera produttiva; l’obbligo di tracciabilità lungo tutta la filiera; la formazione del personale attraverso specifici corsi HACCP; la tipologia di controllo effettuata dalle autorità competenti. In particolare con rintracciabilità si intende la possibilità di seguire tutto il percorso di un alimento o di una sostanza che entrerà a far parte di un alimento dalla produzione alla distribuzione in tutte le sue fasi. Per questa ragione ogni alimento o sostanza che ne entrerà a far parte deve possedere un proprio manuale di rintracciabilità.

Il manuale pubblicato dall’Istituto Agrario è dedicato alla produzione primaria del miele, ovvero a coloro che allevano api, smielano e confezionano esclusivamente il proprio miele presso la propria azienda. Il Reg. (CE) 852/2004 definisce la produzione primaria come: “Tutte le attività relative alla produzione dei prodotti derivanti dall’apicoltura devono essere considerate produzione primaria, compreso l’allevamento delle api, la raccolta del miele e il confezionamento e/o imballaggio nel contesto dell’azienda di apicoltura. Tutte le operazioni che avvengono al di fuori dell’azienda, compreso il confezionamento e/o imballaggio del miele, non rientrano nella produzione primaria”. Questa distinzione diventa fondamentale nel momento in cui bisogna conoscere quali sono le norme da applicare, infatti il produttore primario il produttore primario deve rispettare i requisiti richiesti dall’Allegato I del Reg. (CE) 852/2004, cioè applicare tutte le procedure indispensabili per evitare la contaminazione del prodotto. Del manuale di seguito viene riportato l’indice della pubblicazione:

  • Procedure per l’apicoltore che intende iniziare la propria attività oppure modificare un’attività già esistente
  • Buone pratiche di lavorazione
  • Autocontrollo igienico sanitario e analisi dei rischi nella produzione del miele
  • Identificazione e tracciabilità
  • Formazione
  • Manuale di autocontrollo