Olio extra-vergine: il chiarimento dei ministri

Il  Ministero della giustizia e delle politiche agricole nella serata di ieri (15/12) hanno diffuso un comunicato stampa nel quale precisano che, a dispetto di quanto circolato fin ora non sono previste depenalizzazione per la legge a tutela delle diciture e delle immagini presenti sulle etichette dell’olio extravergine che avevano destato le proccupazioni di numerose associazioni di categoria.

Queste le parole dei Ministri che riportiamo per completezza di informazione:

 

“Il testo dello schema di decreto legislativo recante disposizioni sanzionatorie relative all’olio d’oliva – si legge nel comunicato – non prevede alcuna depenalizzazione in materia di etichettatura e indicazione dell’origine; al contrario, aumenta fortemente le sanzioni amministrative e prevede ulteriori sanzioni per fattispecie nuove, oggi non punite. La prevalenza della norma penale verrà assicurata, in ogni caso e senza dubbi, anche chiarendo ulteriormente che, nel caso di individuazione di illeciti penali, le sanzioni amministrative non verranno applicate, in attesa degli esiti delle indagini penali.Sarà impegno del Governo quello di lavorare con le competenti commissioni parlamentari già dalle prossime ore per specificare e rafforzare la prevalenza delle fattispecie penali e il quadro sanzionatorio del decreto affinché possa adempiere alla sua finalità di integrare e irrobustire la legge Mongiello, e le vigenti norme del codice penale, e per continuare ad assicurare la coerenza con i lavori della Commissione Caselli”.