Etichettatura alimenti e ingredienti composti

Diversi nostri clienti in tema di etichettatura ci chiedono se, in caso di prodotti alimentari in cui sono presenti ingredienti composti, questi debbano essere specificati ovvero possano essere omessi. Per fare un esempio pratico al fine di chiarire meglio il motivo del contendere possiamo fare riferimento ad una crostata in cui sia presente la confettura di albicocche: in questo caso se fate caso all’etichetta il produttore che rispetta la normativa specificherà, dopo la dicitura confettura di albicocche (es. albicocche, zucchero, antiossidanti acido ascorbico, gelificante pectina; e le percentuali di composizione).

Infatti tanto il Regolamento UE 1169/2011 quanto la Direttiva 2000/13/CE ci dicono esplicitamente che “L’elenco degli ingredienti reca un’intestazione o è preceduto da un’adeguata indicazione che consiste nella parola «ingredienti» o la comprende. L’elenco comprende tutti gli ingredienti dell’alimento, in ordine decrescente di peso, così come registrati al momento del loro uso nella fabbricazione dell’alimento.” I prodotti che sono esclusi da tale obbligo sono pochi e riguardano per lo più gli ortofrutticoli freschi, non sbucciati né tagliati; le acque “gassificate”, gli aceti derivati da un solo prodotto di base senza altri ingredienti aggiunti; i formaggi, il burro, il latte e le creme di latte fermentati, “purché non siano stati aggiunti ingredienti diversi dai prodotti derivati dal latte, gli enzimi alimentari e le colture di microrganismi necessari alla fabbricazione o ingredienti diversi dal sale necessario alla fabbricazione di formaggi che non siano freschi o fusi”.

Inoltre, dall’entrata in vigore della direttiva allergeni (dir. 2003/89/CE) è stato introdotto l’obbligo di specificare la composizione di ciascuno degli “ingredienti composti” e dunque come detto per la confettura di albicocche occorre specificare gli ingredienti della preparazione.

Se hai bisogno di una consulenza per la sicurezza alimentare oppure per l’etichettatura dei prodotti alimentari, non esitare a contattarci il nostro staff di tecnici specializzati è in grado di offrire consulenza su questi temi sia si tratti di enti pubblici, imprese ovvero associazioni.

Forse ti può interessare

Manuale di autocontrollo alimentare HACCP

Il controllo della corretta manipolazione degli alimenti lungo tutta la filiera, dalla produzione alla conservazione fino alla vendita ovvero al suo stoccaggio, è un obbligo a carico del datore di lavoro che si traduce in valutazione dei rischi, formazione obbligatoria per sé e suoi dipendenti, analisi di laboratorio e appunto redazione del manuale HACCP.

Vai al Manuale HACCP


Manuale di rintracciabilità degli alimenti

Documento in cui sono contenute tutte le informazioni relative ad un prodotto alimentare, dal produttore al consumatore, redatto secondo il metodo dell’analisi dei rischi e dei punti critici di controllo (H.A.C.C.P.). La redazione del manuale di tracciabilità è obbligatoria e ha lo scopo di aver chiari e precisi tutti i passaggi che il prodotto ha fatto prima di arrivare sulle nostre tavole.

Vai al Manuale Tracciabilità